OLIMPIA NON SFUGGE ALL' ENNESIMA SCONFITTA

 

OLIMPIA ARDECO’ - DIMENSIONE BASKET:   65- 72     

OLIMPIA: Antinori 4, Vianello 13,   De Micco, Giacomini 6, Policella 10, Bonfili, Perfido 12, Maselli 3, Marzullo 16, Diodati n.e.

 D BK: Funari, Caruso 7, Schimizzi 4, Paoloni 14, De Stefani 12, Fabbri 9, Mancini 16, Franconi 10, Rampa n.e., Canale n.e.

 I padroni di casa hanno dato tutto quello che potevano, lottando fino alla fine e rimanendo in partita per l’intero arco dei 40 minuti.Il punteggio finale non ha reso l’idea di quanto sia stata sofferta la vittoria, seppur meritata, della Dimensione BK.Da quello che abbiamo visto domenica scorsa nel campo lidense, ne è venuta fuori una partita combattuta ed equilibrata  che ha divertito e tenuto con il fiato sospeso quegli assidui ma pochi spettatori affezionati all’ Olimpia.La partenza sprint dei padroni di casa, non ha portato ad un vantaggio neanche al I° quarto.L’Olimpia comincia a dimostrare qualche crepa difensiva lasciando alla Dimensione BK imporre i primi ritmi, mandandola all’intervallo avanti di 2 lunghezze.Il ritorno in campo continua ad offrire un costante equilibrio alla partita. 

Nonostante le carenze tecniche nella difesa lidense, il gioco è stato caratterizzato da una ripresa di coscienza nell’ultimo ciak da parte dell’Ardecò.Quest’ultima, infatti sembra uscire dall’ombra mettendo a segno diverse “bombe” e imbastendo qualche avvincente azione per il pubblico di casa.Negli ultimi minuti di gioco la D BK prende il largo imponendo alla formazione di Schiavone una vittoria di 65 a 72.

Il quintetto dell’Olimpia paga pesantemente la propria imprecisione al tiro, e l’eccessiva libertà concessa agli avversari nelle fasi determinanti del confronto.I ragazzi di Adam S. abbandonati dalle divinità della Pallacanestro rientrano negli spogliatoi con un certo dissapore.

 Alessia Vignolini

Erika Pollonara

OLIMPIA FONTE MERAVIGLIOSA CHE MATCH?!?
Il derby da la carica ai padroni di casa
La dominante Ardecò Olimpia
La quarta giornata di campionato vedeva schierate l’Ardecò Olimpia contro La Fonte Meravigliosa.
L’Ardecò dimostra sin dalle battute iniziali di essere protagonista dell’incontro, gli ospiti rispondono all’attacco solo fino al secondo minuto di gioco dopo di che la squadra del coach Romiti taglia le gambe agli avversari chiudendo il primo quarto di gioco con netto vantaggio di 20 a 9 per gli ostiensi.
Il gioco riprende con due tiri liberi messi a segno da Vianello ; l’Ardecò si continua a dimostrare solida formazione mentre a 2’23” dalla fine del primo tempo il coach degli ospiti ,Angelucci, chiede un time –out per chiarimenti tecnici e suggerimenti opportuni per una rimonta.Il gioco riprende …. Palla agli ospiti … ma Galieni dà vita ad una azione tutta di prima che vede protagonista il suo compagno di squadra Faccini;l’azione si conclude con un terzo tempo messo a segno da Vianello.I suggerimenti di Angelucci non hanno avuto un buon esito, infatti le squadre vanno negli spogliatoi con un parziale di 47 a 26.
Il secondo tempo inizia con una timida rimonta degli ospiti che ,azione dopo azione, provano ad avvicinarsi al punteggio dei locali.Il terzo quarto termina con un parziale di 60 a 46.
L’avvicinamento è stato opera di di Gargano, Zazzera, e Acquaviva con svariati canestri da 3 punti.
Nell’ultimo quarto di gioco il numero 16 (Acquaviva ) abbandona il campo a causa di un infortunio.
E’ stato un quarto molto acceso di proteste sia da parte degli spettatori che da parte del coach degli ospiti.
Il tempo continua a passare e la Fonte Meravigliosa prova imperterrita a capovolgere la situazione ma i suoi tentativi sono invani anche se riesce a tenere sulle spine l’Olimpia ed i suoi tifosi.

La partita termina con la vittoria dei padroni di casa con un distacco di 8 punti (81/73 )

-Negli spogliatoi-


“Sig. Angelucci come ha visto la sua squadra?”
“Siamo partiti male , abbiamo concesso troppo spazio agli avversari trovandoci, in poco tempo,sotto di troppi punti”
“Ci siamo accorti che nel secondo tempo avete provato a rimontare,cosa non è andato?”
“ Nel secondo tempo abbiamo provato a rimontare ma ormai la partita si poteva definire “chiusa”; siamo troppo giovani e l’esperienza è poca”
“E lei Sig. Romiti cosa ci dice dei suoi ragazzi?”
“Sono molto contento di come si sono comportati , forse sono carichi perché sabato prossimo devono affrontare il derby.Nel secondo tempo si sono lasciati un po’ andare mettendo arischio il destino della squadra , probabilmente a causa della troppa emotività”
“Chi è stato il catalizzatore del gioco “
“A mio parere …. Gallieni”

OSTIA 11-NOVEMBRE-2001
ASSOGNA CLAUDIA
GERETTO CLAUDIA
GIANNITTI MONIA
POLLONARA ERIKA
 

Partita dominata dall’Olimpia Pallacanestro:per tutto il primo tempo ha saputo tenere in pugno la partita senza lasciare spazio alla squadra ospite,la Fonte Meravigliosa.
Dopo pochi minuti dall’inizio L’Olimpia si trova in vantaggio con 14 punti contro i 5 degli avversari.Il giocatore che ha fatto tremare il canestro avversario ,nel primo tempo , è stato Vianello che ha totalizzato 15 canestri di cui 7 tiri liberi,3 tiri da 2 punti ed una “bomba” da 3.
Una delle azioni più avvincenti che ha caratterizzato la prima parte della partita ha visto l’Olimpia come protagonista . Al terzo minuto e 48 del 2° quarto Galieni,Vianello e Faccini in una rapida azione a tre c da una parte all’altra hanno accompagnato la palla dritta nel canestro,portando il risultato a 47 a 26.
Inizia il secondo tempo: La Fonte Meravigliosa sembra un’altra e riprende la partita con grinta ed entusiasmo riuscendo a guadagnare punti, ma ciò nonostante l’Olimpia riesce a controllare la sua posizione difendendo il risultato,anche se,quest’ultima appare meno brillante del primo tempo.L’ultimo canestro che ha chiuso la partita è stato effettuato dalla Fonte Meravigliosa , ma naturalmente non ha inciso sul finale ormai scontato che ha visto la vittoria dell’Olimpia per un risultato di 81 a 73.
I cambi effettuati in entrambi i tempi di gioco sono stati più frequenti per la squadra Fonte Meravigliosa.
Il commento da parte dell’allenatore degli sconfitti è stato: “siamo partiti male,già dopo 10 minuti eravamo sotto di parecchi punti e i falli commessi hanno contribuito alla caduta , comunque hanno giocato bene il secondo tempo anche se non siamo riusciti a cambiare le sorti della partita”.
L’allenatore dei vincitori decisamente più sereno ha commentato:” sono soddisfatto, credo molto in loro e hanno giocato con scioltezza, forse grazie anche alla preparazione per il derby con l’Ostia Basket ….nel secondo tempo si sono lasciati un po’ andare sicuramente per la loro emotività ma questo non ha influito sul risultato finale”.

OSTIA 11-11-2001

CONSUELO D’ANDREA
ALESSANDRA ARAGONA
ILARIA MANCINI

 

OSTIA BASKET PERVALE LA PARTITA
DERBY LIDENSE: CROLLA L’OLIMPIA

SCONFITTA DURA PER L'OLIMPIA ARDECO'
ANZIO DIVENTA PROTAGONISTA DELLA VII° GIORNATA.

Si è svolto sabato pomeriggio a Casalpalocco il derby lidense che ha visto protagonisti l’Ostia Basket e l’Olimpia Ardecò.
Niente da dire, vittoria meritata quella dell’Ostia Basket, mentre l’Olimpia per cancellare una delusione come quella dovrà necessariamente vincere nella partita successiva.
Ed il calendario manda l’Olimpia Ardecò a Pomezia.
Troppo brutta per essere vera! l’Olimpia ha iniziato facendosi staccare di una decina di punti (12-5 al 5’), praticamente non tornando mai in partita, affondando anche a –22 nel secondo quarto.
Che dire della performance di Vianello che ha sbagliato parecchi tiri da tre ma che in più occasioni ha rialzato il morale della squadra, o di Zarantonello che dopo lunghi tentativi ha messo a segno la bomba che a 9’’ dalla fine ha fissato il punteggio 71-49.
Sicuramente un’ Olimpia estremamente imprecisa, chi sa forse per un gioco strutturato completamente da fermi o forse

per l’assenza di alcuni importanti giocatori; in ogni caso non è mai
riuscita a raggiungere (ne tanto meno superare) gli avversari.

Alessia Vignolini
Francesco Margutti

La settima giornata di campionato vede scendere in campo L’Olimpia Ardecò e gli ospiti dell’ Anzio Bk.Sin dalle prime battute gli ospiti dimostrano di aver metabolizzato perfettamente la partenza con un primo canestro del n°12 al primo minuto di gioco.Insieme al n°12 protagonista di questo primo quarto c’è il n° 10; entrambi hanno portato la loro squadra ad un netto distacco dai padroni di casa. Il 1° quarto termina con un parziale di 9/20 a discapito della Ardecò.L’Anzio  continua a prevalere nei corpo a corpo contro i Lidensi che iniziano ad innervosirsi per il distacco netto che li vede sempre più lontani dalla vittoria.In questo quarto di gioco per l’ Anzio non c’è un vero e proprio protagonista in quanto tutti i titolari in campo contribuiscono ad aumentare il punteggio mettendo in atto diverse azioni; invece per l’Olimpia il catalizzatore è il play Daniele Castro che mette a segno diversi canestri da tre punti ma che purtroppo non sono seviti a raggiungere gli avversari.E al suonare della sirena dell’intervallo il punteggio è di 16 a 39.Il 3° quarto inizia con un timido punto messo a segno di nuovo da Castro. L’Olimpia continua ad andare avanti ma le incursioni degli offensori sono pesanti ed efficaci. La tensione sale e L’Ardecò inizia a fare una serie di falli tattici ma che non danno una svolta alla partita, inquanto gli avversari chiudono questo quarto con un distacco di + 16. Gia dall’inizio de 4° quarto di gioco l. Anzio inizia ad assaporare la Vittoria che si fa sempre più scontata, nel contempo L’Olimpia riesce ad accorciare le distanze con alcune azioni dell’ala Masellie e di Castro ma al suonare del fischio chi canterà vittoria sarà l Anzio Bk. con un punteggio di 51 a 67.

 Pollonara Erika  

Ilaria Mancini

Monia Giannitti

4° A comm.le

 

 

Copyright Olimpia Pallacanestro Ostia 99/y2k

e-mail info@olimpia.net